Seleziona una pagina

di VitoSecco

photo credits ANNALISA CELLI

Fino a ieri pomeriggio non avevo alcuna idea di quanto potesse essere potente un piccolo strumento come l’ukulele; poi ho conosciuto gli Youkus che mi hanno praticamente aperto un mondo.
Gli Youkus hanno inaugurato la nuova stagione della rassegna live “Sound From The Jungle vol.2“, in collaborazione con il Monkey.
Quello degli Youkus è un progetto musicale fresco e nuovo, tutto improntato sull’ukulele,nato da un’idea di Claudio Perini, polistrumentista e scrittore di tutti i brani del gruppo. Perini, ukulele tenore, è accompagnato dal fido compare Fabio Casale, ukulele soprano che si diletta anche ai fornelli in quanto chef di professione; Max Rannucci,ukulele basso; Teo Teodorani alla mini batteria.
‘A qualcuno piace piccolo’ è io loro album di esordio, edito a maggio 2017 dalla casa discografica Flipper Music. E’ stato piacevolissimo trascorrere insieme a loro un’oretta in cabina radio per l’intervista,tra chiacchiere varie,aneddoti e storie di vita vissuta su ex vegans e figlie da coccolare e ovviamente la loro musica ironica,irriverente e variegata.
Il passaggio successivo è stato il sound check al Monkey. Grazie alla calorosità e all’ospitalità di Luca e Umberto,si è creato da subito un clima familiare. Niccolò con il suo tablet magico ha calibrato i suoi con grande maestria.
E finalmente è arrivato il momento del live.
Con le melodie dei loro piccoli strumenti, la loro simpatia, la loro ironica irriverenza gli Youkus ci hanno regalato un live coinvolgente, un cocktail di caberet, cantautorato e medley storici, il tutto shakerato con dell’ottima birra. Dalla loro mini postazione gli Youkus ci hanno inondato di buona musica e allegria, allargando i nostri cuori i nostri sorrisi;e anche il Monkey sembrava più grande. Ascoltarli mi ha fatto pensare agli Elio e le Storie Tese dei tempi migliori;e anche se gli Youkus sono forse l’unica band a vantarsi di ‘averlo piccolo’ posso sicuramente affermare che sono una di quelle band dal cuore grandissimo.

Ascolta qui il podcast dell’intervista