Seleziona una pagina

Termina anche il secondo giorno della VII edizione del Disorder. Ancora tanto spazio all’arte in tutte le sue sfaccettature e la sua moltitudine di colori.

Dapprima nel salotto di Casa BoOonzo spazio al consueto appuntamento con la parte editoriale. Con grande onore abbiamo ospitato la disegnatrice, illustratrice e scrittrice Chiara Rapaccini, il suo ultimo romanzo Baires e il suo blog “Amori Sfigati“. Al di là di tutto, la sua è stata un testimonianza della storia culturale del nostro Paese, con tanti volti e tante immagini e soprattutto il ricordo del regista Mario Monicelli. rapaccini

“La cura per la noia è la curiosità “ . Con questa frase ha preso inizio, invece, la nostra chiacchiera con i Plastic Radio, la prima band che si è esibita sul palco dell’Arena Sant’Antonio. Un concetto ed un invito a sperimentare, conoscere ed ascoltare. Hanno poi presentato il loro ultimo lavoro ” Stand or fall “, un album che rimane impresso nella mente per il suono vivo del suo elettric-pop.

Poi ancora i Technoir , gruppo multi etnico. Con loro si è discusso del valore della black music durante la ricerca e l’elaborazione di un proprio stile che affonda le radici nel funky, nel soul, passando per l’elettronica fino all’acid jazz .

LNFDK, l’affascinante songwriter di origine tunisina, figlia del mondo. Ci ha raccontato di come le città in cui ha vissuto hanno influenzato la sua formazione musicale. La sua musica infatti subisce l’influenza del neo- soul nel jazz e nell’hip hop e la sua grande sensibilità spinge la sua arte all’utilizzo di oggetti e suoni non convenzionali.ldfnk

A concludere gli Junkfood, l’ultima band ad esibirsi: ” si fa tutto al momento” dicono ” ma non ci interessa improvvisare per dimostrare che sappiamo farlo quanto il processo di catarsi che viviamo sul palco “. Appassionati di cinema, hanno realizzato sonorizzazioni live e colonne sonore. Infatti nel loro ultimo lavoro, Italian Masters, diversi brani, in collaborazione di Enrico Gabrielli, sono rivisitazioni di musiche quali Morricone, Umiliani e Trovajoli.

Vi stiamo dando più di una ragione per non mancare. E vi posso assicurare che ce ne saranno altre e ancora altre.

A stasera BoOonzi!