“Nessun musicista dovrebbe prendersi troppo sul serio” questo il mood di un’uscita diversa dalle solite, un brano del tutto ironico e sperimentale scritto, eseguito e prodotto da Elektra Nicotra e Giorgio Indaco.

Fratelli nello spirito e nel sound, Elektra e Giorgio hanno suonato insieme fin dalla più tenera età. Nel corso del 2017, Elektra Nicotra ha pubblicato il suo primo album di brani inediti, “Awakening”, accolto calorosamente dalla stampa specializzata italiana e promosso in radio, televisione e dal vivo. Alla batteria, Giorgio Indaco, poli-strumentista, anche membro delle band catanesi Color Indaco e Kind Of Stanza.

“Akkura” (in siciliano “fai attenzione”) è il risultato di pomeriggi all’insegna della libera sperimentazione con sintetizzatori ed influenze marcatamente vaporwave. Per loro, provenienti dalla scuola blues e rock’n’roll, l’esplorazione di un nuovo genere, trasformatasi, poi, in un momento di puro divertimento goliardico. Un testo ironico, cantato in dialetto siciliano, ma nello stile dei cartoni animati giapponesi.

“È come se una giapponese stesse provando a parlare il siciliano. Per cantarlo ho immaginato tutti i suoi eventuali difetti di pronuncia… marcando molto le Z, per esempio”, ha commentato Elektra.

Un esempio di come si possa fare musica solo per il piacere di divertirsi, varcando i confini imposti dal proprio genere o le aspettative del proprio seguito. Una musica libera, leggera, il cui unico scopo è intrattenere divertendo.